pulsante Ipsia pulsante Ipss pulsante Ipsaa pulsante Iti pulsante Ita

Breve video di presentazione del corso ITA

Visualizza anche la presentazione completa in pdf

Logo ITA

ISTITUTO TECNICO AGRARIO "B. BRAU"

I.T.A. L’Istituto Tecnico Agrario “Bernardo Brau” è stato, sin dalla sua istituzione, un punto di riferimento per la comunità del centro Sardegna. Da esso si sono formate intere generazioni di professionisti che hanno contribuito allo sviluppo del territorio.

Il corso di studi dell’I.T.A. è finalizzato alla formazione di un tecnico di livello intermedio chiamato a svolgere rilevanti funzioni nel settore della produzione primaria, capace di inserirsi in realtà produttive tipiche del territorio, pianificando ed organizzando il lavoro nelle aziende del settore lattiero caseario, enologico, oleario e zootecnico.

Particolare attenzione è stata da sempre data alle tematiche ambientali, con specifico riferimento all’integrazione delle attività curricolari con le attività parascolastiche, alla visione dei problemi economico-ambientali locali nella dimensione globale e al rapporto costante con il territorio e gli enti territoriali. La durata del corso di studi è di cinque anni, suddiviso in un primo biennio comune e in un secondo biennio con quinto anno articolato in due indirizzi: - Gestione dell’ambiente e del territorio: approfondisce le tematiche riguardanti la salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente; - Produzioni e trasformazioni: approfondisce le tematiche inerenti la produzione, trasformazione e conservazione dei prodotti alimentari di derivazione agraria.

Alla fine del quinto anno si ottiene il titolo di Diplomato in Agraria, Agroalimentare e Agroindustria. Il diplomato ha conoscenze e competenze che gli permettono di guardare alla tradizione delle produzioni vegetali e animali del territorio in un’ottica nuova, comprensiva delle innovazioni biotecnologiche e della nuova sensibilità verso le tematiche ambientali. E’ un esperto nel campo dell’organizzazione e della gestione delle attività agricole e di quelle ad essa connesse; si occupa di gestione del territorio, con specifico riguardo agli equilibri ambientali e a quelli idrogeologici e paesaggistici; rileva condizioni di disagio ambientale e progetta interventi a protezione delle zone di rischio; collabora alla realizzazione di processi produttivi ecosostenibili, vegetali e animali, applicando i risultati di ricerche avanzate; controlla la qualità delle produzioni sotto il profilo fisico-chimico, igienico ed organolettico; interviene nel settore della trasformazione dei prodotti attivando processi tecnologici e biotecnologici finalizzati ad ottenere prodotti di qualità con un corretto smaltimento e riutilizzazione dei reflui e dei residui; analizza e controlla con metodi contabili ed economici le predette attività, redigendo documenti contabili, preventivi e consuntivi, rilevando indici di efficienza ed elaborando giudizi di convenienza; esprime giudizi di valore su beni, diritti e servizi; effettua operazioni catastali di rilievo e di conservazione; realizza e interpreta carte tematiche; collabora nella gestione delle attività di promozione e commercializzazione dei prodotti agrari ed agroindustriali; collabora nella pianificazione delle attività aziendali facilitando riscontri di trasparenza e tracciabilità.

Prospettive occupazionali. I diplomati in Agraria, Agroalimentare e Agroindustria dispongono di competenze che possono consentirgli di trovare impiego nelle aziende agricole e zootecniche, nelle cantine, negli oleifici e nei mangimifici e nelle industrie di trasformazione dei prodotti agro-alimentari come responsabile dell’organizzazione e della gestione; nella gestione delle attività di promozione e commercializzazione dei prodotti agrari e agroindustriali; negli enti e nelle agenzie regionali o territoriali di assistenza tecnica e ricerca in agricoltura: LAORE, AGRIS, ARGEA, C.R.A.S., Ente Foreste, nei consorzi di bonifica e nei consorzi agrari; nella Pubblica Amministrazione. Possono, inoltre, proseguire gli studi universitari in tutte le Facoltà. Dopo un percorso successivo al diploma, che prevede un periodo di tirocinio di 18 mesi, possono accedere all’esercizio della libera professione di perito agrario.

QUADRI ORARIO

Orario Biennio

 

OrarioITASAmbiente 

 

OrarioITASProduzioni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.